Olio extravergine, una storia da cambiare

22 Aprile 2021 | commenti: 0

l’Olio extra vergine è uno dei principali prodotti contraffatti. Come è possibile che se ne parli così poco? Che lezioni possiamo trarre da tutto ciò?

olio extravergine o no?

Hai visto questo video? che impressione ti ha fatto? a noi sono sorte diverse considerazioni e vogliamo condividerle con voi:

Tutto è collegato

L’enormità della falsificazione non è ascrivibile a qualche furbetto ma parla di un sistema commerciale che tende in sistematicamente ad anteporre il profitto, il guadagno a breve termine a scapito della salute, dell’ambiente, del sociale e dell’onorabilità e, tema estremamente attuale, a scapito del futuro. Oggi gli effetti a lungo termine di questo modo di costruire il sistema economico li stiamo pagando con la pandemia che nasce proprio dal sistema di produzione e distribuzione industriale. Ma andiamo con ordine.

Qualche domanda

Perché queste notizie non sono oggetto di approfondimento continuo da parte dei media? Perché sappiamo di ogni kg di droga sequestrato e non di ogni kg di olio? Che succede agli amministratori delle società truffaldine? Perché i nomi non escono mai? Perché il giornalismo si occupa molto più delle inefficienze del sistema pubblico e solo di sfuggita degli affari delle grandi società private?

Non possiamo essere informati dai media di quanto accade realmente sul “libero mercato” perché i media sono parte del libero mercato e si alimentano principalmente dei soldi degli inserzionisti. I media si occupano poco e male di questi temi perché hanno interesse a tutelare i loro clienti: le grandi aziende del food.

Chi ci rimette?

Chi ci guadagna è ovvio, chi ci rimette lo è molto meno.
Ci rimettono i consumatori che ricevono prodotti indesiderati e indesiderabili a prezzi elevati con aggiunto il rischio di scarsa salubrità, e sapore piatto.

Ci rimettono i produttori onesti che hanno grande difficoltà a vendere il proprio prodotto a prezzi equi e questo innesca altre dinamiche negative: bassi salari in agricoltura e bassi investimenti.

I bassi salari agricoli sono uno dei fattori alla base delle tensioni sociali. Portano sia ad un abbassamento generale dei salari che allo sfruttamento della manodopera. L’utilizzo di manodopera composta da migranti non in regola con i documenti è strettamente funzionale alla ricatabilità e all’abbassamento del salario e risponde alla logica del minimo prezzo imposto dal sistema della grande distribuzione. Solo un olio buono può essere un olio giusto.

Investire in tecnica agricola che promuova eccellenza di prodotto e protezione dell’ambiente sarebbe una parte importante del percorso di risanamento delle relazioni tra esseri umani e pianeta ma queste condizioni di mercato non favoriscono certo scelte lungimiranti.

La storia dell’olio contraffatto è quindi una storia di sfruttamento dell’ essere umano sull’essere umano e sull’ambiente che è alla fin fine uno sfruttamento a scapito del nostro futuro su questo pianta.

Come evitare tutto questo

L’olio di oliva extravergine può essere acquistato, in Italia, facilmente in canali sicuri. Noi proponiamo un produttore che conosciamo in modo diretto, sia per legami di sangue che per aver visitato più volte e di cui condividiamo la visione del mondo.

si, ma…. quanto mi costa?

Innanzi tutto spendere meno per avere qualcosa che non è quello che vorresti è il modo peggiore di spendere ma se il budget è un problema possiamo sugerire di diversificare l’acquisto.
Anche l’olio di semi non è tutto uguale e ne esistono di eccellenti come ad esempio olio di semi di girasole bio altoleico, che ha molte caratteristiche positive sia a crudo che per cucinare e ha un costo al litro di circa € 5,50. Imparare ad alternare i due prodotti vi permette di gustare un olio di qualità e sapore davvero superiori alla media e spendete dai 10 ai 12 euro al litro. La spesa mesile per 2 litri di forse olio extravergine è la stessa un litro olio di semi e uno olio di oliva di alta qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.