Gruppo d’Acquisto Solidale

Commenti: 5

cassettone biologicoIl G.A.S., acronimo di Gruppo d’Acquisto Solidale, è una iniziativa nata nel Gennaio 2006, accogliendo due piccoli gruppi che cercavano ospitalità. Il gruppo ora coinvolge circa 80 famiglie principalmente tra Acilia, Axa, Casal Palocco, Madonnetta ed alcune famiglie anche da Infernetto, Ostia Antica, Casal Bernocchi e Ostia.

Consideriamo questa modalità di fare i propri acquisti quotidiani davvero straordinaria. Straordinaria perché esce dall’ ordinario, fatto di super-mercati e discount: sempre più numerosi, sempre più uguali a se stessi.  Straordinaria perché, attraverso il sistema delle prenotazioni, mette a disposizione prodotti: freschi, biologici, locali, di stagione, riducendo al minimo i costi dovuti allo spreco, tipici del sistema di distribuzione ordinario.

I soci del G.A.S. prenotando i prodotti alcuni giorni prima, da aziende locali, seguendo la  stagionalità, ed evitano che a fine giornata, il punto vendita o i fornitori debbano buttare l’invenduto. I dati internazionali confermano che il 30% della frutta e della verdura si spreca lungo la filiera e il costo dell’invenduto fa parte del prezzo che paghiamo.

Il GAS offre con questi principi molti prodotti freschi come: frutta e verdura, carne bianca, carne rossa, pesce, uova, pane, farine, parmigiano e formaggi freschi. Questo nuovo modo di fare la spesa migliora l’equilibrio tra: qualità di prodotto e sostenibilità sociale, ambientale ed economia. Prodotti di eccellenza che possono entrare nel proprio consumo quotidiano.

La qualità dei prodotti è garantita dalla certificazione Biologica (in alcuni casi biodinamica), un sistema di certificazione ufficiale sostenuto da un’apposita legislazione europea e, cosa davvero importante, la scelta della filiera corta locale. Acquistare da aziende locali valorizza le relazioni e crea le condizioni per il reale incontro tra produttore e consumatore. L’incontro può avvenire presso l’azienda, nei mercati locali o attraverso lo scambio di opinioni e giudizi con gli altri consumatori. La tua opinione torna a essere più importante della pubblicità.

vantaggi ad acquistare in un GAS rispetto alla tradizionale spesa al supermercato, sono molti e la cosa migliore è scoprirli di persona provando almeno per un mese i diversi prodotti. Comprare solo prodotti di stagione e programmare gli acquisti della prossima settimana può almeno inizialmente disorientare ma, una volta entrati nel meccanismo, diventa anche un modo per scoprire prodotti un po’ dimenticati e tornare a governare la propria dieta ed economia domestica.

Entrare nel G.A.S.

Il G.A.S.Capo Horn è organizzato in forma di cooperativa di consumatori. Diventare soci è semplice: potete compilare il modulo di adesione alla Capo Horn direttamente in sede, prendendo visione dello statuto, del regolamento e sottoscrivendo una o più quote sociali da €25,00. A questo punto avete accesso alle prenotazioni attraverso una delle diverse modalità disponibili, tutte tra loro indipendenti e utilizzabili alternativamente. Se desideri provare puoi fare tre ordini versando un deposito cauzionale di € 15,00 alla fine dei quali deciderai se aderire o meno.

Seguire le attività

  • E’ possibile seguire tutte le novità su: prodotti, fornitori, corsi, nuovi ordini ed eventi iscrivendosi alla newsletter. Per farlo basta mandare una mail a capohorn-subscribe@yahoogroups.com o cliccando sul banner “Yahoo!” alla vostra destra.

Ordinare

Fase 1: associazione o registrazione

Solo dopo che vi siete associati o registrati al periodo di prova, potete effettuare gli ordini. Gli ordini di persone non registrate in sede o con esplicito accordo via mail non saranno presi in considerazione.

fase 2: ordinare

Per effetture gli ordini si possono seguire diverse modalità, è importante però seguire le scadenze, per avere i prodotti nei giorni desiderati. Gli ordini si possono fare nei seguenti modi:

in bottega, apponendo la propria FIRMA sul modulo di ordine;

tramite email all’indirizzo

gas.capohorn@yahoo.it per i ritiri in bottega o all’Asilo nel bosco

mezzocammino@equosolidale.info per i ritiri in zona Torrino-Mezzocammino

specificando: i prodotti da ordinare, il proprio nome, cognome, riferimento telefonico e data di ritiro. Nell’oggetto della mail scrivete il tipo di ordine ( ad es.: cassettone, pesce, ecc..);

nella sezione dedicata del sito www.altrabottega.org/products-page/;

rispondendo alle mail di lancio dell’ordine della news-letter, rispettando l’oggetto della mail.

Non accettiamo gli ordini telefonici inquanto esposti a maggiori errori.

fase 3: ritiro prodotti

Seguendo lo schema delle scadenze potete ritirare e pagare gli ordini direttamente nella sede prescelta. In caso di imprevisti vi chiediamo di avvisarci il prima possibile. Potete disdire gli ordini il giorno precedente il ritiro.

I principali fornitori

Di seguito l’elenco dei fornitori:

Per vedere i prodotti disponibili e ordinarli una volta iscritti cliccate qui.

Nome

Cognome

Email

Cellulare

Inserisci questo codice ->captcha

In questo campo testo ->

Autorizzo il trattamento dei dati personali, in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al fine di ricevere informazioni attinenti alla mia richiesta.
Autorizza -->

5 commenti

  • Siamo distributori di vini biologici, vegani, senza solfiti di piccole cantine di varie zone di Italia; tutti certificati dagli Enti preposti.
    Ci sembra molto interessante la Vs. iniziativa e Vi chiediamo se possiamo essere inseriti nella Vs. lista Fornitori.
    Cordiali Saluti

  • giuseppe scrive:

    buono, sono d’accordo come voi, che il potere del consumatore puo’ cambiare molto
    Peppe

  • giuseppe scrive:

    tra i fornitori possono partecipare anche persone fisiche, cioè un coltivatore che lavora la sua terra per hobby? e se si, come si giustificherebbe a livelo fiscale il momento in cui vende i suoi prodotti? mi piacerebbe entrare in un gas perchè condivido la vostra politica ma non vorrei incappare a qualche problema fiscale.
    grazie
    Peppe

    • Matteo scrive:

      In questo modello organizzativo non è possibile lo scambio informale. Tecnicamente la produzione e vendita di prodotti è sempre soggetta ad un regime fiscale che nel caso dell’agricoltura è considerato un regime agevolato. Per invece gli scambi non monetari e altre metodologie di prossimità esistono mercatini organizzati da varie associazioni e gruppi informali un esempio potrebbe essere il mercato terra-terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *