Fare il pane con la pasta madre

20 settembre 2015 | commenti: 10

pagnotta di grano duro

Cosa c’è di più invitatante del pane caldo, croccante e profumato?
Riesce a risvegliare tutti i nostri sensi, addirittura l’udito quando lo tagliamo e la crosta scrocchia facendoci pregustare ciò che arriverà!
Attorno al tavolo si accalcano grandi e bambini per litigarsi quello che a Roma si definisce “il culetto”, cioè la prima fetta, incredibilmente scrocchiarella e saporita! Qualcuno lo inonda d’olio, o ci spalma sopra qualche salsetta… ma i veri amanti del pane no: perché se il pane è buono lo è anche e soprattutto da solo!

Il profumo del pane riesce a farci venire l’acquolina in bocca in modo potente e incontrollabile… a chi non è mai capitato? Quello che però succede oggi entrando in un qualsiasi ipermercato inganna noi e i nostri sensi.. facendo immaginare alla nostra mente un cibo celestiale, ma facendoci poi tornare a casa con una baguette prodotta chissadove con chissaquale farina e scaldata nel forno del supermercato solo per invogliarci ad acquistarla…

Il pane è un alimento cardine della nostra alimentazione, non per nulla si dice “pane e companatico”…. prepararlo in casa scegliendone con cura gli ingredienti significa portare in tavola un prodotto non solo buono, ma anche sano e di cui ci possiamo fidare! Imparare a farlo a casa quindi è un’arma in più per il consum-attore che pretende di sapere da dove arriva ciò che ha nel piatto.. e cosa c’è di più sicuro di ciò che controlliamo noi stessi? Basterà utilizzare farine biologiche provenienti da mulini che conosciamo per avere il pane con la filiera più sicura possibile!!

pasta madre matura

Una volta le donne della famiglia si univano per fare il pane tutte insieme, era un momento di socialità oltre che di preparazione di un cibo importantissimo… Fare il pane durante un corso a Capo Horn è proprio questo! Ci riporta a una dimensione di socialità che abbiamo perso, dove le mani si muovono per impastare e intanto si chiacchiera, si discute, ci si scambia idee e si chiedono consigli, dove chi si ritiene già esperto non smette di imparare anche da chi pensava di non saperne nulla!

Durante il corso impariamo a fare il pane utilizzando la pasta madre, ritornando un po’ al passato, a sapori antichi, quando non era diffuso il lievito di birra, un tipo di lievitazione che oggi si sta riscoprendo e che sta avendo grande successo nelle case di chi ama l’autoproduzione. Il motivo è che la pasta madre  ci permette di avere un pane di maggiore digeribilità, gusto e durata.
Certo…necessita di una lievitazione più lunga e di maggiore pazienza… ma si verrà ripagati dalla soddisfazione di portare in tavola un pane davvero ottimo!

Il corso si articola in più fasi.

Inizialmente si fa una panoramica sugli ingredienti, che in un cibo che ne ha così pochi sono davvero importantissimi. Perchè sprecare tanto tempo per fare poi un pane di bassa qualità utilizzando farine povere di nutrienti o ricche invece di sostanze chimiche? Davvero non avrebbe senso! Fare il pane in casa non serve tanto a risparmiare soldi, in fondo è uno degli alimenti meno costosi, ma ad essere sicuri di ciò che mangiamo, e il modo migliore è essere sicuri degli ingredienti che utilizziamo!

calzone ripieno

In secondo luogo si impara a gestire la pasta madre, che resterà con noi davvero per lungo tempo, forse per sempre, se la curiamo bene! E’ lei che ci permetterà di avere un pane dal gusto davvero caratteristico, e ogni volta diverso, perché basterà cambiare una minima cosa, anche solo l’umidità dell’aria, per avere ogni volta una sorpresa! Sembra strano, ma la maggior parte di voi ci si affezionerà e le darà addirittura un nome… come un piccolo Tamagochi che cresce nel frigorifero!

Nell’ultima e terza fase si darà sfogo a tutte le domande possibili, alle curiosità, cui cercheremo di rispondere nei limiti del possibile, considerando che nessuno qui è un fornaio, ma che facciamo il pane per passione! Le chiacchiere sono sempre accompagnate da un assaggio di uno o più tipi di pani o focacce fatti in casa con la pasta madre… questo per toccare con mano cosa dovrebbe uscire dal vostro forno una volta lievitato e cotto l’impasto che avete fatto durante il corso.. e naturalmente per chiudere in bellezza!

 

XII EDIZIONE DEL CORSO:

Sabato 17 ottobre 2015

h 10.00 fino alle 13.00 circa

Costo del corso € 25,00, per i soci della cooperativa € 20,00

Il corso si attiverà con minimo 5 adesioni. La partecipazione sarà valida solo dopo il versamento di € 10,00 presso la nostra sede.

I partecipanti sono invitati a portare: grembiule, contenitore per la pasta madre, teglia per il pane. per motivi di igiene si invitano coloro che hanno i capelli lunghi a legarli.

Adesioni aperte fino a mercoledi 14 ottobre.

10 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *