San Bartolomeo – pollo biologico

25 settembre 2012 | commenti: 13

Pollo e tacchino biologico da Vetralla, in provincia di Viterbo, precisamente al Km 24,5 dell’Aurelia bis. La San Bartolomeo è un’azienda da visitare, e vedere con i propri occhi la qualità. Trovare polli e tacchini che scorrazzano liberi per l’allevamento. La differenza di gusto e sapore rispetto al prodotto tradizionale è semplicemente abissale, colore, sapore e consistenza, provatelo!

Vogliamo però approfondire un po’ cosa significa biologico e se ci si può fidare. Noi scegliamo aziende locali, facilmente visitabili e con un’ottima reputazione anche tra concorrenti e operatori del settore. Questo perché la reputazione e il controllo “sociale” rafforza molto l’incisività del marchio di garanzia biologico.

Ma che significa pollo biologico? Per farlo dobbiamo fare un confronto tra pollo bio e da allevamento convenzionale. Vi invitiamo a visualizzare anche da soli cosa significa allevamento intensivo di pollo, allevamenti che in 55 giorni portano un pollo a pesare 3 kg. Un pollo biologico nel doppio del tempo pesa circa la metà. Come è possibile? I metodi intensivi di allevamento sottopongo gli animali a forti stress in un approccio che mette al centro della sicurezza alimentare fondamentalmente l’igiene.

Grandissima differenza è nell’alimentazione. Nel convenzionale si usano alimenti “bilanciati”, composti anche di farine animali, cereali ogm, si usano coloranti per dare alla carne diverse tonalità, mentre nel biologico sono ammessi solo alimenti biologici e tutto quello che cacciano naturalmente presente nell’allevamento senza alcun residuo di contaminanti coloranti sintetici, pesticidi, insetticidi, trattamenti post raccolta, Piperonil butossido, Nitrofen, ecc. Vi invito a riflettere sul fatto che praticamente nessuno di noi riesce ad avere un’alimentazione esclusivamente biologica certificata. Nel bio il pane vecchio acquistato da tutti i consumatori in forni e supermercati è considerato una possibile fonte di contaminazione. Si passa dal mangime di farine animali e ogm al biologico certificato!!

Nel convenzionale, incredibile ma vero, si velocizza il processo di crescita con luci sempre accese. Nel biologico sono rispettati i cicli naturali della luce. Inoltre il trattamento sanitario differisce moltissimo. Nel convenzionale a causa del sovraffollamento e dello strass si utilizzano profillassi antibiotiche. Nel biologico è ammesso un solo trattamento con antibiotici nella vita dell’animale e i tempi di sospensione sono doppi rispetto al convenzionale, per il resto si usano fitoterapia e omeopatia.

Sono molti gli aspetti che possono essere presi in considerazione ma forse i più importanti da esaminare sono quelli che fanno la differenza per il consumatore. Ci si chiede spesso infatti: ”ma quanto costa?” In questo caso si può dire la differenza di prezzo è anche una differenza di valore, vi chiedo: “quanto vale un pollo pagato pochi euro al kg?”

Un dato interessante, che ci aiuta a comprendere la differenza qualitativa che è la data da alcuni confronti di laboratorio che indicano una diversa composizione della massa grassa dell’animale. In particolare nel pollo biologico troviamo una minore presenza inferiore del 15% grassi saturi (il grasso dannoso per la nostra salute) e un 30% in più di grassi polinsaturi (grassi noti per le loro proprietà benefiche e antiossidanti). Questo e altri esempi simili, indica come, sia differente, per chi lo mangia, acquistare pollo bio o convenzionale. Mangiare bene è una scelta lungimirante.

ordini

Vi invitiamo a prendere visione delle modalità  di partecipazione al Gruppo d’Acquisto, e delle scadenze per gli ordini.

Clicca qui per la lista dei prodotti disponibili.

13 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *